image-58

 Tel : +39 320 4429098 - redazione@pianetaspettacolo.it


facebook
instagram
youtube
phone
messenger
whatsapp
rettangolo
image-58

REDAZIONE:

c.da Giancata SN - 95121 CATANIA

 

DIRETTORE RESPONSABILE:

Lucia Agata Murabito - OdG n°165131

Registrazione Tribunale di Catania n. 02/2022 - ROC 


Edito da: DIMIS S.r.l.S zona industriale, c.da Giancata s.n.

95121 Catania - P.IVA 05837340875

Proprietà: Dimitri Tosi

image-341

Pianeta Spettacolo Magazine

+39 320 4429098

5 superstizioni legate al teatro

2022-09-19 09:00

Marica Musumarra

5 consigli, Rubriche e Format,

5 superstizioni legate al teatro

Tutti gli attori, prima di andare in scena, eseguono dei riti scaramantici contro la sfiga; scopri le 5 superstizioni più diffuse al mondo!

"Occhio, malocchio, prezzemolo e finocchio"! Questo motto e tanti altri servono, in molti casi, a tenere lontana la negatività e ad abbracciare la positività prima di un evento importante... come uno spettacolo teatrale! Gli attori sono molto scaramantici e seguono delle regole ben precise affinché la performance vada a buon fine. Ecco le 5 superstizioni più curiose di sempre!


Sapevi che, fin dai tempi più antichi, gli attori di teatro rientrano tra le persone più superstiziose del mondo? Non a caso, infatti, prima di salire sul palco hanno l’abitudine di eseguire alcuni riti scaramantici, sia prima delle prove, sia prima di andare in scena di fronte a un pubblico di spettatori. 

 

Se a primo impatto il loro comportamento può sembrare assurdo ed esagerato, per gli attori allontanare la sfiga e la negatività è praticamente fondamentale; non farlo farebbe sorgere in loro una grande paura, al punto da potersi anche rifiutare di portare a termine la performance!

 

Ma quali sono queste superstizioni legate al mondo del teatro? Ecco le 5 principali!

1. Colori da non indossare in scena

Ogni Paese ha il suo colore proibito, che non deve essere assolutamente sfoggiato durante una rappresentazione teatrale; in Italia, si sa, è il viola, cioè il colore indossato dagli uomini di chiesa durante la Quaresima. Nel Medioevo, in prossimità della Pasqua erano banditi tutti gli spettacoli teatrali, il che comportava una gran perdita economica per gli attori dell’epoca. Ecco spiegato il motivo per cui il colore viola è profondamente odiato da tutti i teatranti italiani.

 

In Inghilterra, invece, è bandito il blu: le stoffe di questo colore, infatti, piacevano tantissimo al pubblico ma, di contro, erano molto costose. Succedeva, quindi, che per non fare brutta figura, le compagnie acquistassero tessuti blu rischiando di finire sul lastrico; l’unica salvezza consisteva nell’accostare dei finimenti d’argento, un chiaro segnale di (finta) ricchezza per fare breccia nel cuore degli spettatori.

 

Il teatro francese odia il verde, la cui sfortuna deriva probabilmente dall’ultima apparizione di Moliére: si narra, infatti, che il famoso attore e drammaturgo indossasse proprio un abito verde quando, nel 1673, eseguì “Il malato immaginario” per poi morire poco dopo. 

 

Infine, gli attori spagnoli non indossano mai il giallo, cioè il colore del mantello del torero in occasione della corrida; in effetti, se il toro dovesse avere la meglio, il giallo sarebbe l’ultimo colore indossato!

2. Il copione non deve cadere

Una delle regole per la buona riuscita di uno spettacolo prevede che il copione non deve assolutamente cadere a terra, pena il fallimento dell’intera messa in scena. Nel caso in cui dovesse accadere, la superstizione vuole che si debba raccogliere immediatamente e sbatterlo per terra per 3 volte, nello stesso punto in cui è precedentemente caduto. Esagerato? Può essere, ma meglio andare sul sicuro!

3. Mai augurare “buona fortuna!”

Come a un pescatore non bisogna mai dire “buona pesca!” prima dell’impresa, lo stesso vale per gli attori: mai dire loro “buona fortuna!” prima di uno spettacolo, dato che potrebbe accadere l’esatto opposto. Molto meglio, invece, utilizzare delle espressioni più colorite, come “rompiti una gamba!”, che potrebbe sembrare azzardata ma che, invece, allude all’inchino dell’attore per ricevere gli applausi. 

4. Motti scaramantici

Poco prima dell’inizio di uno spettacolo e delle repliche successive, attori e cast tecnico si posizionano in cerchio, si stringono le mani tra loro e gridano tutti insieme “me**a, me**a, me**a!”. Questa usanza ha origine nel XVII secolo, quando gli spettatori giungevano in teatro in carrozza; un pubblico numeroso, quindi, voleva dire un gran numero di carrozze e cavalli “parcheggiati” all’ingresso e, di conseguenza, di una gran quantità di escrementi sulla strada. In poche parole, più gli animali lasciavano “un ricordino”, più lo spettacolo sarebbe andato alla grande

5. Vietato portare in scena Macbeth di Shakespeare

Il povero William non ne sarà di certo entusiasta ma, a quanto pare, portare in scena o, addirittura, solo pronunciare il nome della sua celebre opera Macbeth porta tantissima sfortuna. Proprio per questo gli attori tendono a sostituirne il titolo con “Il dramma scozzese”, durante il quale poi bisogna evitare di ripetere gli incantesimi pronunciati dalle 3 streghe. 

 

Secondo la leggenda, infatti, l’autore avrebbe formulato l’incantesimo seguendo le direttive di vere streghe che, per vendicarsi, avrebbero lanciato una maledizione sul dramma. Un’altra leggenda narra, invece, che in occasione della prima messa in scena dell’opera l’attore che interpretava Macbeth sia morto poco prima di esibirsi. Un vero peccato!

 

E tu, sei pronto a eseguire questi piccoli riti scaramantici prima di esibirti? Prendi nota e non dimenticare di seguirli alla lettera!


facebook
instagram
youtube
phone
messenger
whatsapp

Copyright 2021 © Tutti i diritti sono riservati e proprietà di Dimis srls.

Non perderti niente!

Iscriviti alla nostra newsletter!

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder